Motore Magnetico. Scomoda Realtà?

08 Gennaio 2018, Raffaele De Luca

Il motore magnetico di Perendev è un ipotetico motore in grado di sfruttare l’energia magnetica tra magneti al fine di mettere in moto un rotore. Prende il nome dal suo inventore.

Nel 2004 fu presentata una domanda di brevetto internazionale da un tale Mike Brady, respinta come non brevettabile dall’Ufficio europeo dei brevetti (la domanda di brevetto, in seguito, fu abbandonata).

L’idea di base è che il motore sia in grado di generare un moto perpetuo tale da diventare una fonte illimitata di energia. Le motivazioni “scientifiche” alla base della bocciatura furono che le leggi della fisica escludono il moto perpetuo e il generarsi di energia dal nulla.

Guardando un semplice esperimento riproducibile anche a casa, viene da chiedersi perché questo brevetto sia stato ostacolato, e viene anche da rispondersi sul chi..

Guarda il Video https://youtu.be/2-_KI0iV3GQ

Oltretutto se non avesse funzionato, il problema sarebbe stato dell’inventore che non l’avrebbe mai venduto.

È vero, le leggi della fisica escludono il moto perpetuo e il generarsi di energia dal nulla, ma elettromagnetismo; gravità  ed energia nucleare forte e debole sono le quattro forze fondamentali dell’universo. l’energia non si genera dal nulla, si genera dal magnetismo.

in oltre nel 2010, durante una convention Tesla, l’ingegnere turco Muammer Yildiz ha dato una dimostrazione di un motore magnetico funzionante. Smentendo anche gli scettici, smontandolo pezzo per pezzo dopo l’utilizzo. Dimostrando che viene usata solo la forza di attrazione e repulsione magnetica.

Guarda il Video https://youtu.be/Wed-VIzAaCg

Potete immaginare quanta energia si potrebbe realizzare con questo sistema? Se la ricerca scientifica in questa direzione non venisse ostacolata, non avremmo più bisogno degli idrocarburi e delle guerre che servono a controllarli. La nostra salute e quella dell’intero pianeta migliorerebbe in pochissimi anni con conseguenti risparmi sulla spesa sanitaria. Quanti vampiri morirebbero di fame però..